Lettera di Öztunç di CHP per Nae Sao Paulo Ship

Lettera di Oztunc di CHP a Nae Sao Paulo Ship
Lettera di Öztunç di CHP per Nae Sao Paulo Ship

Il vicepresidente del CHP per i diritti della natura e le politiche ambientali Ali Öztunç ha scritto una lettera all'ambasciata brasiliana in Turchia per la nave Nae Sao Paulo della marina brasiliana, che sta per essere smantellata a Smirne Aliağa e contiene amianto.

Il vicepresidente della CHP Ali Öztunç, nella sua lettera; "Chiediamo che tu prenda le misure necessarie per fermare immediatamente la spedizione della nave da guerra nucleare Nae Sao Paulo alla Turchia, che creerà responsabilità legali per i due paesi, e per prendere le misure necessarie per richiamare la nave da guerra nucleare Nae Sao Paulo al tuo confini del paese in conformità con la predetta ingiunzione".

La lettera scritta dal vicepresidente del CHP Ali Öztunç all'ambasciatore brasiliano è la seguente:

“Sig. Ambasciatore della Repubblica Federale del Brasile in Turchia

La portaerei denominata Nae Sao Paulo è partita il 4 agosto 2022 per raggiungere l'Aliağa Ship Breaking Zone a Smirne.

Oltre al processo di smantellamento delle navi contenenti molte sostanze pericolose, l'inquinamento ambientale creato sul mare e sulla terraferma, nei lavori eseguiti con fonte di ossigeno e metodo di taglio vengono rilasciati nell'atmosfera anche componenti inquinanti dell'aria.

La regione di Smirne Aliağa è una regione in cui si verificano molti problemi di salute a causa dell'attuale carico di inquinamento. I valori di inquinamento della regione sono ben al di sopra dei valori limite e di conseguenza ci sono molti problemi di salute nella regione.

La portaerei Nae Sao Paulo è stata utilizzata dalla Francia per molti anni in test nucleari e contiene una quantità significativa di rifiuti pericolosi e nocivi, tra cui amianto e radioattività. Per questo motivo, il fatto che la nave in questione sia stata portata ad Aliağa per lo smantellamento ha ricevuto intense reazioni da parte del pubblico turco. Pubblico democratico e società civile "Aliağa non sarà la discarica del mondo!" con lo slogan di chiedere un diritto contro il porto della suddetta nave ai confini della Turchia. Nei prossimi giorni, anche in questa direzione verranno avviate azioni giudiziarie.

Non seguiamo attraverso la stampa che la partenza della suddetta nave dai confini brasiliani per lo smantellamento abbia ricevuto un'ampia risposta dal pubblico brasiliano così come nel nostro paese.

Il Globo News ha riferito che, nell'ambito della causa intentata dal 16° Tribunale Federale di Rio de Janeiro per l'annullamento della gara indetta nel vostro Paese per lo smantellamento della portaerei Nae Sao Paulo, è stata disposta una "ingiunzione ingiuntiva" per il rientro della nave nella baia di Guanabara, dove è ancorata, tuttavia, è stato condiviso che la decisione non è stata ancora attuata.

Sig. Ambasciatore della Repubblica Federale del Brasile in Turchia,

In qualità di vicepresidente del principale partito di opposizione CHP responsabile dei diritti della natura e delle politiche ambientali, Nae Sao, che ha suscitato una grande reazione tra i popoli dei due paesi, creerà responsabilità legali per entrambi i paesi in conformità con convenzioni internazionali come Convenzione di Basilea, Convenzione di Barcellona, ​​Protocollo di Smirne Chiediamo che prendano le misure necessarie per fermare il trasferimento della nave da guerra nucleare denominata Paulo alla Turchia il prima possibile e per richiamare la nave da guerra nucleare denominata Nae Sao Paulo ai confini del vostro paese in conformità con la predetta ingiunzione”.

Annunci simili

Sii il primo a commentare

Yorumlar