La gente di Istanbul vuole maggiore quarantena e ispezioni

Gli abitanti di Istanbul vogliono aumentare la quarantena e le ispezioni
Gli abitanti di Istanbul vogliono aumentare la quarantena e le ispezioni

Il 79,7 per cento dei partecipanti alla "Ricerca sulla percezione, l'aspettativa e l'atteggiamento del Coronavirus a Istanbul" ha dichiarato di avere sufficienti informazioni sul coronavirus. Mentre è stato sottolineato che le restrizioni ei controlli dovrebbero essere aumentati nella lotta contro l'epidemia, il 29,2% di coloro che volevano restrizioni ha chiesto il coprifuoco e il 15,3% ha chiesto una quarantena per quindici giorni. Quattro su cinque partecipanti, un conoscente aveva la malattia, l'82,9 per cento di loro che l'epidemia aumenterà a Istanbul in futuro. L'uso delle maschere è passato dal 35,8% di marzo al 99,6%. Il 55,4% dei maschi e il 41,6% delle femmine ha dichiarato che vorrebbe essere vaccinato se il vaccino fosse disponibile.


E 'stata pubblicata la "Ricerca sul Coronavirus, sulle aspettative e sull'atteggiamento a Istanbul" condotta dall'ufficio statistico della municipalità metropolitana di Istanbul. La ricerca, la prima delle quali è stata condotta tra il 19 e il 22 marzo, è stata ripetuta tra il 17 e il 21 novembre 2020. Nello studio, realizzato utilizzando il metodo Computer Aided Telephone Survey (CATI) con 749 residenti di Istanbul selezionati in modo casuale, sono state misurate la percezione, le aspettative e l'atteggiamento dei residenti di Istanbul nei confronti del coronavirus; I dati ottenuti in marzo e novembre sono stati confrontati. Nello studio sono stati raggiunti i seguenti risultati:

Il 79,7% ha una conoscenza sufficiente del coronavirus

Alla domanda "Pensi di avere abbastanza informazioni sul coronavirus" chiesto ai partecipanti, il 13% dei partecipanti ha risposto di non avere informazioni sufficienti, il 7,3% non era sicuro, il 79,7% ha risposto di avere informazioni sufficienti.

La quarantena e le ispezioni dovrebbero essere aumentate

Alla domanda su quali altre misure si possono adottare per combattere il coronavirus, la maggior parte dei partecipanti ha affermato che le restrizioni dovrebbero essere aumentate. Tra queste restrizioni, sono stati indicati un coprifuoco con il 29,2% e una quarantena per 15,3 giorni con il XNUMX%. I partecipanti hanno dichiarato che avrebbero avuto bisogno di assistenza finanziaria in caso di quarantena.

Un altro problema affrontato dai partecipanti è stato l'aumento delle ispezioni. È stato inoltre rilevato che per mettere sotto controllo il coronavirus, i cittadini devono rispettare le regole e devono essere applicate sanzioni penali quando necessario.

Il 55,4% degli uomini e il 41,6% delle donne vogliono essere vaccinati

Se il vaccino contro il coronavirus è disponibile, il 55,4% degli uomini e il 41,6% delle donne vogliono essere vaccinati. Guardando la fascia di età, il 61% delle persone di età pari o superiore a 60,5 anni, il 41% di quelle di età compresa tra 60 e 51, il 31% di quelle di età compresa tra 40 e 42,2 e il 18% di quelle di età compresa tra 30 e 50,3. Ha dichiarato che voleva essere vaccinato.

Gli sviluppi sono per lo più guardati in televisione

Il 10% dei partecipanti, a cui è stato chiesto dove seguissero le notizie relative al coronavirus negli ultimi 55,1 giorni, proveniva dalla televisione, il 32,6% dai social media, l'11,1% da siti di notizie su Internet, lo 0,7% dai giornali, 0,5%, XNUMX di loro hanno affermato di aver seguito da gruppi Whatsapp.

Uso della maschera aumentato al 99,6 percento

Diretto ai partecipanti, "Quali misure avete preso negli ultimi 10 giorni riguardo al coronavirus?" A marzo, il 40,4% ha risposto "Indosso i guanti" e il 35,8% ha risposto "Indosso una maschera". A novembre, ha dichiarato di aver usato il 31% di guanti e il 99,6% di maschere.

Maggiore attenzione è rivolta alla nutrizione

"Negli ultimi 10 giorni hai prestato attenzione alla tua dieta per prendere precauzioni contro il coronavirus?" Il 60,4% dei partecipanti ha risposto "Sì" a marzo e il 91,8% a novembre.

L'utilizzo del trasporto pubblico è diminuito a novembre rispetto a marzo

Mentre il 45,5% dei partecipanti ha dichiarato di non utilizzare / utilizzare meno i mezzi pubblici a marzo, questa percentuale è aumentata all'82% a novembre. Prima del periodo del coronavirus, il 39% dei partecipanti ha dichiarato di utilizzare autobus, minibus e veicoli di trasporto simili, il 34,2% ha utilizzato i propri veicoli personali, il 20,8% ha utilizzato veicoli di trasporto come metropolitana e Marmaray, il 6% ha dichiarato di aver raggiunto la propria destinazione a piedi. . I partecipanti che hanno affermato che le loro preferenze di trasporto sono cambiate durante il periodo del coronavirus; Il 26,3 per cento di loro ha dichiarato di utilizzare autobus, minibus e veicoli di trasporto simili, il 51,3 per cento utilizza i propri veicoli personali, il 10,3 per cento utilizza mezzi di trasporto come la metropolitana e Marmaray e il 12,1 per cento lo raggiunge a piedi.

Il tasso di acquirenti è diminuito

Il tasso di coloro che hanno dichiarato di fare acquisti più di prima del coronavirus è stato del 25,9% a marzo e dell'11,5% a novembre. Il 77,6% dei partecipanti ha dichiarato di aver acquistato prodotti alimentari, il 45,9% di materiali per la pulizia, il 15,3% di prodotti di supporto per il potenziamento immunitario e il 2,4% di prodotti per la cura del bambino.

La vita quotidiana del 94,4 per cento ne fu influenzata

Alla domanda "In che modo il coronavirus ha influenzato la tua vita quotidiana?", A marzo, il 37,5% dei partecipanti ha limitato la mia mobilità, il 35,1% ha limitato la mia socializzazione, il 14,5% ha compromesso la mia psicologia, il 12,9% non ha risposto. . A novembre, il 34,8% ha risposto che limitava la mia socializzazione, il 33,6% ha compromesso la mia psicologia, il 26% ha limitato la mia mobilità, il 5,6% non ha influenzato la vita quotidiana.

I livelli di ansia, paura e stress sono aumentati

Come risultato degli sviluppi dovuti alla pandemia, il 69% dei partecipanti ha dichiarato che i livelli di ansia, il 65% dei partecipanti, il 58,4% della paura, il 45,5% della solitudine e il 44,9% della loro disperazione sono aumentati.

A marzo, il 57,9% degli intervistati ha dichiarato di essere preoccupato, il 18,1% era parzialmente ansioso e il 24% no, mentre a novembre il 70,9% era preoccupato, l'11,5% era parzialmente ansioso e il 17,6% Ha detto, XNUMX non è preoccupato.

Il 91,6% è preoccupato per la trasmissione del virus

Nello studio condotto a marzo, il 75,2% dei partecipanti è stato infettato dal virus o dai loro parenti, l'81,1% a causa di problemi economici, il 70,4% a causa dell'interruzione dei servizi educativi, il 70,3% a causa di maggiori restrizioni nella loro vita quotidiana. e il 41,6% ha dichiarato di essere preoccupato di non poter accedere a cibo adeguato. A novembre, il 91,6% del virus infetta se stesso o i suoi parenti, l'87,9% dei problemi economici, l'80,6% delle interruzioni dei servizi educativi, il 65,6% di ulteriori restrizioni nella vita quotidiana e il 35,7% XNUMX hanno affermato di essere preoccupati di non ricevere abbastanza cibo.

5 persone su 4 hanno una malattia nota

"Quale dei tuoi conoscenti ha avuto la malattia da coronavirus?" La prima risposta data dai partecipanti alla domanda erano i loro vicini, la seconda i loro parenti che vivevano a Istanbul e la terza i loro colleghi.

Si pensa che influisca negativamente sull'economia

Il 91,8 per cento dei partecipanti ha dichiarato che l'economia del paese è stata influenzata negativamente dall'epidemia; Il 92,5% pensa che questo effetto continuerà nel prossimo periodo.

I partecipanti pensano che i casi di coronavirus aumenteranno

Il 76,4% degli intervistati in Turchia, mentre l'82,9% dei casi di coronavirus a Istanbul aumenterà nel prossimo periodo, ha affermato. A marzo, il 97,5% degli intervistati pensava che il virus sarebbe stato contenuto entro 12 mesi, mentre a novembre è sceso al 58,9%. Mentre il 20,1% pensa che sarà preso sotto controllo entro 13-24 mesi, il 21% pensa che ci vorranno più di 24 mesi.

Informazioni demografiche dei partecipanti

La ricerca comprende 8 categorie determinate in base all'istruzione, alla professione e al livello di reddito, dal livello socioeconomico (SES) al livello superiore (A +, A), medio-alto (B +, B), medio-basso (C +, C) e inferiore (D e E) valutati in base al loro stato. Il campionamento stratificato, uno dei metodi di campionamento casuale, è stato utilizzato per rappresentare Istanbul nello studio; La stratificazione è stata effettuata secondo i criteri SES. Il 3,1% degli intervistati era E, 17,9% D, 43,1% C, 17,4% C +, 5,6% B, 6,3% B +, percento L'1,3% di loro erano A, il 5,3% erano persone residenti nel distretto con uno status socioeconomico A +. Il 61,1% dei partecipanti aveva un'età compresa tra i 18 ei 40 anni, mentre il 38,9% era nella fascia di età superiore ai 40 anni. Mentre il 50,9% dei partecipanti erano donne, il 49,1% erano uomini.


sohbet

Sii il primo a commentare

Yorumlar

Articoli correlati e pubblicità