L'indennità di lavoro breve sarà estesa fino a giugno 2021

L'indennità di lavoro breve sarà estesa fino a giugno 2021
L'indennità di lavoro breve sarà estesa fino a giugno 2021

La durata delle misure economiche prese a causa della pandemia è in fase di estensione. Il Presidente è autorizzato a prorogare l'indennità di lavoro ad orario ridotto fino al 30 giugno 2021.


Secondo il rapporto di Veli Toprak di SÖZCÜ; “La durata delle misure economiche intraprese per eliminare gli effetti dell'epidemia di coronavirus si sta allungando. Il Presidente è autorizzato fino a giugno 2021 per quanto riguarda la durata dell'indennità di lavoro breve. Sono in corso lavori di strutturazione sui debiti fiscali e sui premi SSI, che saranno inclusi nelle riunioni del Parlamento.

Il vice dell'AKP Giresun, Cemal Öztürk, ha introdotto nuove misure economiche con la proposta "Legge sull'assicurazione contro la disoccupazione e proposta di modifica di alcune leggi" presentata alla Presidenza dell'Assemblea.

Esenzione fiscale per valuta estera oro

La durata dell'indennità di lavoro breve viene prolungata. L'autorità conferita alla Presidenza al riguardo è prorogata fino al 30 giugno 2021.

La Turchia all'estero si apre di fronte all'introduzione di strumenti economici come il cambio dell'oro. Nessuna tassa verrà addebitata se la valuta estera e l'oro portati dall'estero e non registrati a livello nazionale (sotto il cuscino) sono registrati. Coloro che registrano valuta estera e oro in questo modo non saranno tassati fino al 30 giugno 2021.

Tassa di soggiorno fino al 2022

È giunta la proroga della "tassa di soggiorno" prevista dall'industria del turismo. La data di entrata in vigore della tassa di soggiorno è prorogata al 1 gennaio 2022.

  • Anche coloro che vendono i beni che producono nelle loro case tramite Internet e supporti elettronici simili saranno esentati dall'imposta sul reddito.
  • Le esenzioni dall'imposta sul reddito e dall'imposta di bollo sono imposte ai fornitori di servizi che accettano un lavoro part-time.
  • Il Presidente è autorizzato a ridurre di 20 punti l'aliquota dell'imposta sulle società, che è del 5%, e a riportarla al livello precedente.
  • Una detrazione del 20% dai pagamenti effettuati a fantini, assistenti fantini e allenatori è posticipata al 31 dicembre 2025.


chiacchierare

Sii il primo a commentare

Yorumlar