Türkiye ha fatto progressi nel settore marittimo negli ultimi 20 anni

Türkiye ha spostato un'età nel campo marittimo nell'ultimo anno
Türkiye ha spostato un'età nel campo marittimo nell'ultimo anno

Il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Abdulkadir Uraloğlu ha dichiarato: “La Turchia è progredita nel settore marittimo negli ultimi 20 anni. Il fatturato del nostro settore marittimo nel 2022 è di circa 531 miliardi 238 milioni. Il nostro obiettivo è sfruttare al meglio questo ricco potenziale del nostro Paese nei mari e prendere il posto che merita nel mondo marittimo”.

Il ministro dei trasporti e delle infrastrutture Abdulkadir Uraloğlu ha partecipato alla riunione dell'Assemblea della Camera dei trasporti marittimi a Istanbul. Incontrando i membri del Consiglio di Amministrazione della Camera dello Shipping e i rappresentanti del settore, Uralog ha espresso il suo piacere di stare insieme e ha toccato nel suo intervento gli sviluppi in campo marittimo. Ricordando che la Turchia si trova in una geografia circondata da mari su tre lati e che il mondo guarda con invidia, Uraloğlu ha affermato: “28 delle nostre province hanno coste. Circondato da oltre il 70 per cento dei suoi confini e situato sulla strada che attraversa tre continenti, il nostro Paese è un paese marittimo indiscusso e i suoi mari sono la sua patria blu. Per questo, abbiamo grandi opportunità per lo sviluppo del nostro settore marittimo”.

Türkiye È STATO SPEDITO NEGLI ULTIMI 20 ANNI DI SPEDIZIONE

Il ministro Uraloğlu ha affermato che il loro obiettivo è sfruttare al meglio il ricco potenziale della Turchia nei mari e prendere il posto che merita nel mondo marittimo. Uraloğlu ha dichiarato quanto segue su questo argomento:

“Come sapete, la Turchia è progredita nel campo marittimo negli ultimi 20 anni. A questo punto vorrei condividere con voi alcuni dati relativi alle attività marittime nel nostro Paese. Il fatturato del nostro settore marittimo nel 2022 è di circa 531 miliardi 238 milioni. Il numero delle navi di proprietà turca è in totale di 765, di cui 352 straniere bayraklıÈ. La quantità di merci movimentate nei nostri porti ha raggiunto i 543 milioni di tonnellate. Il turismo crocieristico, caduto a causa della pandemia, è stato rilanciato. A partire dai primi 2023 mesi del 6, il numero di passeggeri è raddoppiato a 2022 mila e il numero di navi è aumentato del 2% a 483, rispetto al 30. Abbiamo aumentato le dimensioni della nostra flotta commerciale marittima di proprietà turca di circa 420 volte dal 2002 a 4,4 milioni di tonnellate di portata lorda e nel 39,1 ci siamo classificati al 2023° posto nella classifica mondiale. I nostri porti, dove si svolge l'14 per cento del commercio estero del nostro Paese, sono di grande importanza per la nostra economia. Il numero delle nostre strutture portuali, che nel 85 erano 2000, è aumentato del 149 per cento nel 2022 ed è arrivato a 46. Il numero dei cantieri, che nel 217 erano 2002, è salito a 37 oggi. Oltre ai nostri cantieri navali sulla nostra costa; 84 impianti di produzione di imbarcazioni, 749 cantieri navali e 192 impianti di riciclaggio delle navi sono attività indispensabili dell'industria navale.

CON IL CORRIDOIO DEL GRANO ABBIAMO TRASPORTATO 32,8 MILIONI DI TONNELLATE DI GRANO

Il ministro Uraloğlu ha affermato che con il corridoio marittimo del grano lanciato lo scorso agosto sotto la guida del nostro presidente, un totale di 293 navi, 1004 delle quali di proprietà turca, hanno trasportato 32,8 milioni di tonnellate di grano dai porti ucraini.

Notando che la Turchia è uno dei principali paesi produttori di yacht nel settore marittimo, Uraloğlu ha affermato: “In termini di numero di progetti inclusi nel portafoglio ordini di mega yacht, il nostro paese è al terzo posto nel mondo nella produzione di yacht. Il nostro Ministero ha prorogato di 2065 anni, fino al 49, la durata dell'affitto dei cantieri, consentendo di effettuare investimenti. Si è incrementata la mobilità commerciale del settore prendendo una quota del ricavo e mettendo a garanzia le aree cantieristiche azzerando i costi di locazione”. Egli ha detto.

LA NOSTRA PRIORITÀ È LA PRODUZIONE NAZIONALE E NAZIONALE

Uraloğlu ha affermato che nell'ambito della visione del "secolo turco", la produzione nazionale e nazionale è tra le politiche prioritarie del settore. In questo contesto, Uraloğlu ha affermato che il tasso di località nella costruzione navale è passato dal 20% al 50% e ha affermato: "Il nostro obiettivo è aumentare questo tasso a livelli molto più alti".

Uraloğlu ha affermato quanto segue su questo argomento;

“Seguiamo da vicino gli sviluppi delle navi ibride e autonome, che hanno suscitato interesse negli ultimi anni. Credo che il nostro Paese sarà tra i Paesi leader nella costruzione di navi autonome/ibride. Nello Stretto di Turchia, che è la regione più importante e strategica della nostra Blue Homeland, forniamo pilotaggio, operazioni di rimorchiatori, servizi di traffico navale, aiuti alla navigazione e servizi di soccorso al più alto livello secondo gli standard mondiali. Abbiamo nazionalizzato i sistemi utilizzati nello Stretto in accordo con le pratiche di indigenizzazione e nazionalizzazione del nostro Paese. Nell'ambito dei nostri diritti e benefici nella nostra patria blu, continuiamo a lavorare sul progetto del sistema di servizi di traffico navale del Mediterraneo orientale da istituire nella TRNC al fine di aumentare la nostra efficacia nel Mediterraneo orientale. Dopo il completamento del progetto, aumenteremo in modo significativo il dominio sia del nostro paese che della TRNC nella patria blu. Considerando che abbiamo un ruolo molto importante nel mondo marittimo, attribuiamo importanza a garantire la sicurezza della navigazione, della vita, della proprietà, del mare e dell'ambiente nella nostra patria blu. Monitoriamo i nostri mari 7/24 con i sistemi che abbiamo installato. Il nostro Centro di coordinamento principale di ricerca e soccorso (AAKKM), che opera 365 ore su 7, 24 giorni su XNUMX all'interno del corpo del nostro ministero, serve l'aviazione marittima e turca turca non solo all'interno della regione turca di ricerca e soccorso, ma anche in ogni parte del mondo. Il nostro centro è l'unico centro nel nostro paese in cui i centri di coordinamento dei soccorsi dei paesi vicini e di altri paesi possono contattare istantaneamente ".

ABBIAMO CERTIFICATO 20 NOSTRI PORTI CON IL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE “PORTO VERDE”

Uraloğlu ha affermato che la Turchia ha introdotto strutture portuali più rispettose dell'ambiente e che 20 strutture portuali sono state certificate con il Green Port Certification Program. Uraloğlu ha affermato che il settore è stato pavimentato con gli studi legislativi e le nuove normative, e ha affermato;

"The Scrapped Turk" che abbiamo messo in atto nel giugno 2022. Bayraklı Abbiamo apportato alcune modifiche a favore del settore nel nostro meccanismo di incentivazione in conformità con il "Regolamento sulla promozione della costruzione di nuove navi in ​​luogo di navi".

In questo contesto; gli incentivi saranno dati a 10 navi all'anno, fino a 1,5 volte per quelle che utilizzano combustibili fossili, fino a 2,5 volte per quelle che utilizzano fonti energetiche ecocompatibili e fino al 25 per cento per la conversione all'uso di fonti energetiche ecocompatibili.

Naturalmente, oltre a questi, abbiamo molti accordi e progetti che abbiamo realizzato e che sono ancora in corso. Vi invitiamo a beneficiare di questi supporti nel nostro settore e ad investire nel marittimo turco. Abbiamo messo fine all'imposta speciale sui consumi (SCT) che gravava sul carburante utilizzato dalle nostre navi operanti sulla linea di cabotaggio”.

FATTURATO NEL 2022 CIRCA 531 MILIARDI 238 MILIONI

Il ministro Uraloğlu ha dichiarato: "Investiremo 2053 miliardi di dollari nel nostro settore marittimo fino al 21,6. In cambio, contribuiremo con 180 miliardi di dollari al nostro reddito nazionale. Il suo impatto sulla produzione supererà i 320 miliardi di dollari. Il suo contributo all'occupazione per 30 anni sarà di 5 milioni di persone”. disse.

Uraloğlu ha anche osservato che come Ministero continueranno a fornire tutti i tipi di strutture per la crescita della flotta commerciale marittima turca e ha dichiarato:

“Il trasporto marittimo, che assorbe il 90% del commercio mondiale, è la spina dorsale dell'economia mondiale. Il commercio marittimo è molto più economico del trasporto aereo, stradale e ferroviario. A causa del suo basso costo e della sua efficienza, il trasporto marittimo è essenziale per lo sviluppo economico sostenibile e la prosperità. Per questo motivo, dobbiamo determinare le strategie che porteranno molto bene questo settore nel futuro. Sotto la guida del nostro Onorevole Presidente, faremo i passi necessari insieme alla nostra industria per aumentare la quota del nostro Paese nel commercio marittimo mondiale e per raggiungere il posto che merita tra i "Leading Seafaring Countrys" in ogni campo di marittimo. Credo che con i lavori che faremo insieme, la Turchia in futuro farà sentire maggiormente il suo peso in campo marittimo e diventerà uno dei Paesi leader nel settore marittimo aumentando la sua forza competitiva”.