Lotta contro la nave dell'amianto a Smirne spostata nella dimensione di massa

La lotta contro la nave dell'amianto a Smirne passa alla dimensione di massa
Lotta contro la nave dell'amianto a Smirne spostata nella dimensione di massa

La lotta da portare avanti contro il programmato smantellamento della gigantesca nave da guerra con amianto, partita dal Brasile, ad Aliağa è diventata su vasta scala con il concerto dei Mongoli in piazza Gündoğdu. Il sindaco della municipalità metropolitana di Smirne, Tunç Soyer, ha detto alle persone radunate nella piazza per protestare contro l'arrivo della nave a Smirne: “Izmir non è la discarica mondiale. Insieme proteggeremo Smirne, che amiamo il più possibile. Andranno come sono venuti", ha detto.

L'Unione delle Camere degli ingegneri e degli architetti turchi (TMMOB), KESK, Camera di medicina di Smirne, Associazione degli avvocati di Smirne e Forze del lavoro e della democrazia di Smirne, tra cui DİSK, hanno unito le forze contro la nave di amianto da portare ad Aliağa. La lotta per impedire che la nave arrivasse in città iniziò quando il famoso gruppo musicale Mongols salì sul palco in piazza Smirne Gündoğdu.

Questa volta, i mongoli hanno cantato le loro canzoni preferite, ospitate dalla municipalità metropolitana di Smirne, per proteggere la salute umana e ambientale. I cittadini che riempivano l'area portavano striscioni con su scritto: "La nave tossica partirà come è venuta" e "Izmir non è la discarica mondiale".

Il sindaco della municipalità metropolitana di Smirne Tunç Soyer, il vicepresidente della CHP Ali Öztunç, il vice della CHP Smirne Sevda Erdan Kılıç, il presidente della provincia della CHP Smirne Deniz Yücel, il sindaco di Ödemiş Mehmet Eriş, ambientalisti, organizzazioni professionali e cittadini hanno ascoltato insieme il concerto.

“Izmir non è la discarica del mondo”

Il sindaco della municipalità metropolitana di Izmir Tunç Soyer ha iniziato il suo discorso dicendo: "Ringraziamo i mongoli che stanno in piedi e sono la coscienza di questo paese ogni volta che c'è un attacco alla natura di questo paese". Esprimendo che Smirne non sarà la discarica del mondo, il sindaco Tunç Soyer ha dichiarato: “La nave è partita dal Brasile. Oggi abbiamo aperto uno striscione davanti all'ambasciata brasiliana ad Ankara e abbiamo avvertito. Abbiamo detto: 'Questa nave non verrà a Smirne. La nave è in viaggio, dovrebbe arrivare a Smirne probabilmente in 30-40 giorni. Ma continueremo a fare del nostro meglio per non far entrare questa nave a Smirne. Smirne non è la discarica di rifiuti del mondo. Faremo molte azioni durante questi 30-40 giorni. Insieme proteggeremo Smirne, che amiamo il più possibile. Andranno come sono venuti", ha detto.

“Vogliono fare di Smirne la discarica del mondo”

Il vicepresidente del CHP Ali Öztunç ha criticato il governo nel suo discorso e ha detto: “Vogliono fare di Smirne la discarica e la discarica del mondo. Lo permetterai? Smirne non sarà la discarica del mondo. Non dovremmo far entrare quella nave a Smirne, Aliğa. Proprio come la gente di Smirne ha mandato qualcuno come è venuto, sa come inviare quella nave e la persona che ha portato quella nave mentre è venuta.

“La mente, la coscienza e la logica delle persone non portano via”

Il musicista Cahit Berkay, d'altra parte, ha affermato che non avrebbero permesso al paese di trasformarsi in una discarica di rifiuti e ha affermato: "Il presidente di bronzo prende posizione contro quella mentalità che ha trasformato il nostro paese in una discarica. La nave porterà tutto l'amianto in questo paese. Non importa come la guardi, la mente, la coscienza e la logica non la capiscono. "Questo paese non sarà una discarica", ha detto.

Annunci simili

Sii il primo a commentare

Yorumlar