Cos'è la sindrome postpartum? Raccomandazioni per le madri che soffrono di sindrome postpartum

Che cos'è la sindrome postpartum Consigli alle madri con sindrome postpartum
Cos'è la sindrome postpartum? Raccomandazioni per le madri che soffrono di sindrome postpartum

Bacio. Dott. Kerime Nazlı Salihoğlu ha fornito importanti informazioni sulla “Sindrome postpartum” e ha avvertito le madri che avevano questa sindrome.

Specialista in Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Medicana Sivas op. Dott. Kerime Nazlı Salihoğlu, nella sua dichiarazione sulla sindrome postpartum, ha sottolineato che ogni donna che partorisce comporta un rischio.

Sottolineando che il sostegno della famiglia e dei coniugi alla madre è importante durante il periodo postpartum e il periodo entro la prima settimana dopo il periodo postpartum, Salihoğlu ha detto: "Come tutti sappiamo, le nostre madri vivono esperienze emotive, biologiche, fisiche, sociali e cambiamenti psicologici durante il periodo postpartum. Dopo il parto, la madre può sentirsi infelice, pessimista, triste, incapace di godersi la vita, non provare abbastanza amore per il suo bambino, diminuzione del desiderio di uscire, sonnolenza eccessiva e appetito eccessivo o, al contrario, insonnia, perdita di appetito possono essere visto molto spesso.

È più comune nelle madri lavoratrici e in quelle che hanno partorito naturalmente.

Affermando che questa sindrome può essere osservata in 100-10 donne su 15 che partoriscono, Salihoğlu ha affermato: “Questo processo è molto importante e potrebbe passare inosservato. A volte, poiché i nostri pazienti e le nostre donne nascondono questa situazione o perché non se ne rendono conto, la sua comparsa può essere ritardata. C'è il rischio di sindrome postpartum in ogni donna che partorisce nella società. Può essere visto in 100-10 donne su 15 che partoriscono. In realtà, questi tassi sono più alti, ma poiché le donne non condividono, i tassi sono percepiti leggermente inferiori. La sindrome postpartum è a rischio nei nostri pazienti con parto difficile, se hanno avuto un parto traumatico, se hanno avuto un parto prematuro, se hanno avuto depressione durante la gravidanza e se hanno avuto problemi con la famiglia e il coniuge. Vediamo più frequentemente la sindrome postpartum nelle nostre pazienti che hanno avuto un basso livello di ansia o livello socio-economico durante la gravidanza. Allo stesso tempo, è stato affermato che la sindrome postpartum è più visibile negli studi condotti rispetto ai parti cesarei in nascite normali. Si vede più nelle madri lavoratrici che nelle madri non lavoratrici'', ha detto.

“Non è una malattia incurabile”

Salihoğlu ha affermato che in questo processo, le madri si trovano nella situazione di rifiutare il bambino, comportarsi male, non allattare il bambino, "A volte nella sindrome postpartum, la madre si sente così, ci sono madri che dicono di non poter provare abbastanza amore quando tenere in braccio il loro bambino. O non sono diventata madre? C'è chi pensa. C'è un caso di rifiuto del bambino. A volte, possiamo incontrare reazioni come maltrattamenti, non allattare al seno, non preoccuparsi. In questo processo, le madri possono essere inclini a trattare i loro bambini davvero male. In questo processo, consiglio loro di ricevere supporto psicologico e psichiatrico. Dovrebbe essere assolutamente condiviso con sua moglie, medico, medico di famiglia o ostetrico. Perché queste non sono cose che non possono essere evitate. È una condizione che può essere vista in tutti. Non è una condizione incurabile. Di solito può essere eliminato parlando o talvolta ottenendo il supporto di uno psicologo. A volte può evolvere in psicosi. In quel momento, consigliamo vivamente il trattamento farmacologico o il supporto psichiatrico. In questo processo, molto sostegno ricade sulla famiglia e sul coniuge'', ha affermato.

"Non ha senso logorarci"

Bacio. Dott. Esprimendo che raccomanda alle madri con sindrome postpartum di fare esercizio, fare una passeggiata e trascorrere del tempo con i loro coniugi, Salihoğlu ha detto: "A volte, i coniugi possono rivolgersi al bambino con l'eccitazione di tornare a casa con un nuovo bambino. Qui, la madre può sentirsi inutile, non amata e ora è in secondo piano. A volte questa sensazione può mettere le nostre madri nella sindrome postpartum. Pertanto, la famiglia dovrebbe sostenere il bambino in termini di cure e i coniugi dovrebbero trascorrere del tempo dettagliato con le nostre madri, quando appropriato. Il mio consiglio più importante a mia madre durante questo processo è che si prende sicuramente del tempo per se stessa. Gli consiglio di riposare molto, sistemare il suo ritmo del sonno, farsi aiutare dalla sua famiglia per il bambino, uscire da solo con sua moglie e trascorrere del tempo insieme. Oppure suggerisco a nostra madre di trascorrere del tempo con le sue amiche. Può esercitare molto, fare una passeggiata, guardare la TV, seguire i blocchi della mamma sui social media. Poiché tutto nella vita ha un ruolo, la maternità è un ruolo e impareremo giocando e imparando. Quindi non ha senso farci del male. Penso che possano superare questo processo insieme trascorrendo del tempo con il loro bambino, basato sull'amore, che è assolutamente importante'', ha detto.

Annunci simili

Sii il primo a commentare

Yorumlar