Bursa ospiterà i World Nomad Games

Gocebe Games protegge un grande tesoro culturale
I giochi nomadi conservano un grande tesoro culturale

La Turchia ospiterà la quarta edizione dei World Nomad Games dal 29 settembre al 2 ottobre. Nella gigantesca organizzazione che si terrà a Bursa Iznik, oltre 102mila atleti provenienti da 3 paesi mostreranno le loro abilità in più di 40 competizioni. Lo storico prof. Dott. Ahmet Tağıl ha affermato: “La cultura turca, che si è sviluppata attorno ai giochi nomadi, è stata trasferita di generazione in generazione in termini di aspetti etnografici, folcloristici, di credenza, mitologici e simili, e ha raggiunto il 21° secolo. Per questo non è solo un gioco sportivo, ma un grande tesoro culturale”.

Proseguono a pieno regime i lavori nel distretto di Iznik di Bursa per i quarti Mondiali dei Nomadi, che si chiamano le Olimpiadi degli sport tradizionali. Si svolgeranno più di 29 competizioni sportive, dalle tante categorie di wrestling agli sport equestri, dal tiro con l'arco ai vari giochi di squadra, nell'organizzazione che vedrà la partecipazione di oltre 2mila atleti provenienti da 102 paesi tra il 3 settembre e il 40 ottobre.

Ai Giochi Mondiali dei Nomadi parteciperanno i capi di stato, gli appassionati di sport locali e stranieri, nonché gli atleti. Inoltre, mentre i paesi esibiscono i loro spettacoli colorati, la tradizionale cultura oba verrà mantenuta viva e verranno sperimentati i gusti universali e locali.

"I giochi hanno mantenuto fresche le persone che vivono nella steppa"

AVANTI CRISTO. Affermando che il nomadismo, che si stima sia iniziato nell'VIII secolo, riflette lo stile di vita delle steppe dell'Asia centrale, il Prof. Dott. Ahmet Tağıl ha affermato che anche i giochi nomadi sono nati da questo stile di vita. Tağıl disse: “Il nomadismo deriva dal verbo turco migrare. Le comunità di persone che continuano la loro vita cambiando posto da un luogo all'altro sono chiamate nomadi. Le antiche comunità turche vivevano seguendo l'acqua e le praterie. A seconda della stagione estiva e invernale, venivano determinate le aree di pascolo e di riparo, ciascuna delle tribù avrebbe continuato la propria vita migrando secondo i propri pascoli. La vita nelle steppe richiedeva anche corpi sani, forti, durevoli e dinamici a causa delle condizioni difficili. "Era molto importante fare sport per sopravvivere nelle vaste steppe", ha detto.

“Molte battaglie sul campo sono dovute allo sport. kazanilluminato"

Ricordando che i turchi, che fondarono grandi stati, decorarono la loro storia con vittorie militari, Tağıl disse: “Gli sport continui tenevano le persone pronte alla guerra. In questo modo avevano un corpo dinamico e riuscirono a sconfiggere gli eserciti affollati con un piccolo numero di soldati. Grazie allo sviluppo superiore delle sue capacità fisiche, alla sua capacità di usare tutti i tipi di armi da guerra, può combattere la maggior parte delle battaglie sul campo. kazansono saggi. Tra i più noti giochi nomadi, caccia, giavellotto, corse di cavalli, sci, lotta, tiro con l'arco erano tutti rami sportivi che assicuravano il successo in guerra.

“Non solo uno sport ma un grande tesoro culturale”

Notando che i giochi nomadi praticati per scopi sportivi si sono integrati con lo stile di vita dopo un po' e sono diventati un elemento culturale, Tağıl ha detto: “I giochi sono diventati una dimensione culturale organizzando festival, grandi intrattenimenti e competizioni che tutti nella società seguono con interesse. kazanè andato. Questa situazione è sempre stata apprezzata perché porta persone di tutte le età a vivere una vita sana e felice nella società. La cultura turca, che si è sviluppata attorno ai giochi nomadi, è stata trasferita di generazione in generazione in termini etnografici, folcloristici, credenti, mitologici e così via, ed è arrivata al 21° secolo. "Non è solo un gioco sportivo, è un grande tesoro culturale", ha detto.

“Manterremo vivi i nostri valori insieme ai giovani”

prof. Dott. Tasagil ha aggiunto che, nonostante decenni di secoli, i giochi nomadi hanno conservato la loro originalità. Affermando che giochi come la caccia, il tiro con l'arco, la lotta e il giavellotto sono sopravvissuti fino ai giorni nostri, Tağıl ha continuato: “Per i nomadi, lo sport è la vita stessa. Certo, ci sono giochi che vengono dimenticati e che non vediamo quasi mai più. Ad esempio, gare di salto in alto. Purtroppo i giochi fatti con le mazze di legno nelle lotte tra le tribù non sono sopravvissuti fino ad oggi. Giochi come questo sarebbero stati molto più preziosi se fossero sopravvissuti. Da questo punto di vista, l'organizzazione dei World Nomad Games è estremamente importante. Il target di riferimento dello sport sono i giovani. Poiché i giovani mostrano interesse per questi giochi, manteniamo vivi i nostri valori e la nostra cultura. Data la sua dimensione culturale, è un'organizzazione in grado di attirare l'attenzione di persone di tutte le età”.

Giochi Nomadi Mondiali

I 4° World Nomad Games si terranno dal 29 settembre al 2 ottobre 2022. I World Nomad Games si sono svolti per la prima volta intorno al lago Issyk Kul in Kirghizistan nel 2014 con la partecipazione del presidente Recep Tayyip Erdogan. Il secondo evento si è tenuto nel 2016 e il terzo nel 2018. Durante i 4° World Nomad Games, che si terranno sotto gli auspici della Presidenza della Repubblica di Turchia e sotto la guida della World Ethnosport Confederation, verrà messo in risalto il potere unificante dello sport mentre si fa luce sulla cultura dei popoli nomadi. Si prevede che più di 100 atleti parteciperanno ai World Nomad Games, a cui parteciperanno più di 3 paesi.

Chi è Ahmet Tasagil?

Dopo aver studiato all'Università di Istanbul, Facoltà di Lettere, Dipartimento di Storia tra il 1981 e il 1985, Tağıl è andato a Taiwan per imparare il cinese e fare ricerche sulla storia turca. Nel 1987 è diventato assistente di ricerca presso l'Università Mimar Sinan, Facoltà di Lettere e Scienze, Dipartimento di Storia. Ha completato i suoi studi di master e dottorato presso l'Università di Istanbul, Dipartimento di Storia Generale Turca. Ahmet Tağıl è stato promosso assistente professore nel 1992, professore associato nel 1995 e professore nel 2000. A partire dal 1997 ha condotto ricerche sul campo in Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Mongolia, Siberia meridionale e Cina. Il peso dei suoi studi scientifici è sulla storia turca preislamica, ma anche sulla storia turca dell'Asia centrale dal passato al presente. Ha pubblicato molti libri e quasi 200 studi scientifici nazionali e internazionali.

Annunci simili

Sii il primo a commentare

Yorumlar