Le future mamme dovrebbero fare il vaccino contro il Covid?

Le future mamme dovrebbero fare il vaccino contro il covid?
Le future mamme dovrebbero fare il vaccino contro il covid?

Le future mamme sono tra i gruppi più colpiti dall'epidemia di Covid-19, che ha colpito il mondo. Le future mamme la cui immunità è indebolita a causa della gravidanza possono trasmettere il coronavirus più gravemente. Per questo motivo è necessario adottare ulteriori precauzioni per proteggersi dal Covid-19, soprattutto durante la gravidanza. Anche i vaccini per il Covid sono tra gli argomenti che più incuriosiscono le future mamme. Gli esperti affermano che la futura mamma può farsi vaccinare contro il Covid con le raccomandazioni del suo medico. Dal Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia del Memorial Kayseri Hospital, op. Dott. Burak Tanır ha fornito informazioni sul rischio di Covid-19 e sui vaccini durante la gravidanza.

Aumenta le tue precauzioni in autunno e inverno

L'aumento dei casi di Covid-19 nel nostro Paese e nel mondo richiama l'attenzione. A ostetrici e ginecologi è stato chiesto: “Che tipo di trattamento dovrebbe essere applicato? Quale medicinale dovrebbe essere preso? Quali non dovrebbero essere bevuti? Quanto è affetto il bambino dal virus?” tali domande sorgono. La gravidanza è un processo fisiologico in cui il sistema immunitario è indebolito. A causa di questo indebolimento del sistema immunitario, soprattutto nei mesi invernali, le donne incinte superano le infezioni influenzali stagionali in modo più grave rispetto alla popolazione generale. In altre parole, anche nel periodo in cui il Covid-19 non era ancora noto, le donne incinte che avevano l'influenza, soprattutto nei mesi invernali, erano affette dalla malattia. Per questo motivo, le donne in gravidanza sono nel gruppo a rischio in termini di infezione da Covid-19.

Attenzione alla variante Delta!

Una madre che è stata infettata da Covid-19 durante la gravidanza avverte i sintomi molto più gravi di una donna che non è incinta. Insieme alla gravidanza, altre malattie come l'asma, il diabete, l'ipertensione e la BPCO aggravano il quadro. Nelle ricerche, è stato rivelato che i tassi di parto pretermine, ritardo dello sviluppo, avvelenamento da gravidanza e persino morte materna sono aumentati in una gravidanza che aveva una grave infezione da Covid-19. Si osserva che questi tassi sono aumentati di recente a causa del fatto che la variante delta, responsabile di circa il 19% di Covid-90 nel nostro paese, è altamente contagiosa e presenta un quadro grave della malattia. D'altra parte, negli studi condotti fino ad oggi non ci sono dati che l'infezione da Covid-19 all'inizio della gravidanza aumenti il ​​rischio di aborto spontaneo.

Puoi anche fare i test necessari durante la gravidanza.

Fino a poco tempo, la ricerca ha dimostrato che il virus non passa dalla madre al bambino durante la gravidanza. Per poter dire che il virus si trasmette al bambino nel grembo materno, è necessario condurre una ricerca con una più ampia partecipazione. I sintomi clinici della malattia causata dal virus nelle donne in gravidanza sono febbre, tosse, mal di gola, debolezza, dolori muscolari e articolari. Determinante per la diagnosi è il test PCR eseguito con un tampone prelevato dalla gola e dal naso del paziente sospetto. La radiografia del torace e la tomografia computerizzata sono efficaci nel determinare la gravità della malattia e il tipo di trattamento da somministrare in coloro che hanno avuto l'infezione da Covid-19. La dose di radiazioni emessa da questi due metodi di imaging è inferiore al livello che può danneggiare il bambino. Per questo motivo, le donne in gravidanza non devono aver paura della radiografia del torace e della tomografia eseguita proteggendo la regione addominale con placche di piombo.

L'85% delle donne in gravidanza sopravvive moderatamente alla malattia

L'85% delle donne in gravidanza supera moderatamente l'infezione da Covid riposando a casa e assumendo integratori vitaminici e minerali che potenziano il sistema immunitario. Durante questo periodo, le donne in gravidanza che hanno un orario di controllo di routine dovrebbero parlare telefonicamente con i loro medici e fornire informazioni sul processo. Le donne in gravidanza con sintomi moderati e gravi devono essere ricoverate in ospedale e tenute sotto osservazione e ricevere supporto con ossigeno. Secondo la settimana gestazionale, il battito cardiaco dei bambini dovrebbe essere monitorato e, se è inferiore alla 34a settimana gestazionale, dovrebbe essere applicato un trattamento steroideo per garantire lo sviluppo polmonare del bambino.

Le future mamme dovrebbero fare il vaccino contro il Covid?

La guida Covid-19, che è stata preparata dal Comitato Scientifico nel nostro Paese ed è attualmente utilizzata, rimane aggiornata. Poiché ci sono ancora pochissimi studi sulla sicurezza dei vaccini nel mondo, non ci sono dati sufficienti nella sezione della guida sulle donne in gravidanza. Tuttavia, ci sono anche donne incinte tra le 100.000 cifre per le quali sono stati prodotti vaccini mRNA di recente, in particolare da Stati Uniti e Israele. Nelle informazioni preliminari degli studi, si è concluso che il vaccino non ha avuto effetti negativi sul bambino nel grembo materno, che non ha rappresentato un rischio di aborto spontaneo nel primo periodo o parto pretermine nelle settimane successive, e che non si sono verificate complicanze della gravidanza come il ritardo della crescita. Si prevede inoltre che la Guida al periodo di gravidanza e allattamento, che dovrebbe essere preparata dal Ministero della salute nel prossimo futuro e che sarà preparata in parallelo a questi studi, sarà aggiornata.

È sicuro somministrare vaccini non vivi a donne in gravidanza.

Secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e dell'Organizzazione mondiale della sanità negli Stati Uniti, il vaccino contro il Covid è raccomandato a tutte le donne in gravidanza, poiché le donne in gravidanza con infezione da Covid-19 hanno un rischio maggiore di entrare in terapia intensiva. Sia i vaccini Sinovac che quelli Biontech applicati nel nostro paese fanno parte del gruppo dei vaccini non vivi e i vaccini non vivi sono sicuri da somministrare alle donne in gravidanza. È più appropriato vaccinare dopo i primi 3 mesi.

Armin

sohbet

    Sii il primo a commentare

    Yorumlar