L'area delle locande storiche di Bursa ritrova la sua vecchia struttura

La regione delle locande storiche di Bursa ritrova la sua vecchia struttura
La regione delle locande storiche di Bursa ritrova la sua vecchia struttura
abbonarsi  


Una delle aree più importanti di Bursa nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO, l'area del bazar storico e delle locande, è stata rimossa un'altra pila di cemento. Il sindaco metropolitano Alinur Aktaş, che ha assistito alla demolizione dell'edificio crollare in pochi secondi, ha dichiarato: “Non rimuoviamo solo edifici scadenti che distorcono la sagoma dell'area delle locande. Mostra anche quanto siano marci gli edifici. È anche ovvio che stiamo facendo una trasformazione urbana molto salutare”.

I lavori di demolizione proseguono rapidamente nel Bazaar storico e nel progetto di design urbano della regione di Hanlar Çarşıbaşı, preparato dalla municipalità metropolitana di Bursa e sostenuto dal Ministero dell'ambiente e dell'urbanizzazione. Il processo, iniziato con la demolizione dell'edificio della Mezzaluna Rossa nell'agosto dello scorso anno con la partecipazione del ministro dell'Ambiente e dell'Urbanizzazione Murat Kurum, è proseguito con la demolizione di İşkur, l'edificio della Banca Centrale, 15 negozi che circondano la tomba dietro il Brass Locanda, 4 edifici all'interno e 2 edifici sulla strada principale. Mentre la Grande Moschea e le locande, che non si vedevano prima in Cemal Nadir Street, sono emerse in tutto il loro splendore dopo la demolizione, è stato demolito un altro edificio di 240 piani con una superficie di 7 metri quadrati. Con pochi tocchi della macchina da cantiere, l'edificio è crollato con una nuvola di polvere, ed è emersa un'area di circa 28 metri quadrati con la demolizione di 3500 edifici finora.

La storia viene alla luce

Il sindaco della municipalità metropolitana di Bursa, Alinur Aktaş, ha anche assistito all'ultima demolizione effettuata nell'ambito del progetto che rivelerà la sagoma storica della città. Esprimendo che i lavori per portare alla luce la storia continuano a Bursa, il sindaco Aktaş ha affermato: “Bursa, il sicomoro degli ottomani, si rialza con i suoi valori storici. La zona delle locande, iniziata nel XIV secolo e perfezionata nel XVI secolo, è un'area vivibile su un'area di 14 decadi con la sua locanda, bazar coperto, Uucami e moschee, aree commerciali, tombe e scuole. Gli sforzi per far rivivere questa zona di Bursa, che chiamiamo la città vecchia, dove furono fondati gli ottomani, stanno continuando rapidamente. Come da progetto che avevamo annunciato prima, con il sostegno del Presidente Recep Tayyip Erdoğan e del Ministro dell'Ambiente e dell'Urbanizzazione Murat Kurum, mentre continuano i lavori di esproprio, stiamo effettuando demolizioni senza interrompere la vita normale. Grazie mille a tutti coloro che hanno contribuito", ha detto.

“Si rompe come uno stampo di formaggio”

Notando che il processo iniziato con la distruzione della Mezzaluna Rossa, del İş-Kur e dell'edificio della Banca Centrale continua rapidamente, il presidente Aktaş ha affermato: “Ora continuiamo con gli edifici appartenenti alle persone che abbiamo espropriato. Questa settimana, le squadre hanno demolito altri 5 edifici di 7 e 2 piani. Altre demolizioni avverranno a breve. Non abbiamo solo svelato i cattivi edifici che hanno rovinato la silhouette del quartiere delle locande. Credimi, penso che stiamo facendo un enorme favore alla gente. Se hanno visto il processo di demolizione, capiranno come gli edifici crollano come un blocco di formaggio quando vengono toccate alcune colonne. Ci è stato chiesto di demolire gli edifici, strato dopo strato. Tuttavia, quando tocchi alcuni angoli dell'edificio, vediamo che gli edifici sono crollati. Senza gli edifici adiacenti, non è possibile sopravvivere a un piccolo terremoto. È ovvio che abbiamo realizzato una trasformazione urbana molto salutare”.

Sottolineando che fino ad oggi hanno demolito 28 edifici e creato un'area di 3 metri quadrati, il sindaco Aktaş ha dichiarato: "Avremo completamente scoperto l'area fino all'Ulucami. C'è una Bursa moderna, in via di sviluppo e industrializzazione. Ma continuiamo a far rivivere Bursa, che era la capitale dell'Impero Ottomano, con la sua storia”.

Esposizione del settore ferroviario Armin sohbet

Sii il primo a commentare

Yorumlar