689,2 miliardi di TL di investimenti in autostrade

miliardi di TL investimenti in autostrade
miliardi di TL investimenti in autostrade

Adil Karaismailoğlu, ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, ha sottolineato che il numero totale di documenti di transito aggiuntivi scambiati nel 2021 ha superato gli 80mila e ha affermato: “Abbiamo rafforzato i legami della Turchia con il mondo, abbiamo acquisito una pretesa logistica. Abbiamo rafforzato la nostra rete di trasporti stradali con opere infrastrutturali e abbiamo attribuito grande importanza alle normative legali che impediranno le turbolenze nel settore e forniranno soluzioni.

Adil Karaismailoğlu, ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, che si è unito alla direzione dell'International Transporters Association di Istanbul, ha dichiarato: “Abbiamo reso il nostro Paese una superpotenza logistica nell'arena internazionale, oltre a portare vitalità economica, produzione, occupazione, istruzione, salute, sviluppo sociale e culturale in ogni angolo del Paese. La Turchia è un paese europeo, asiatico, balcanico, caucasico, mediorientale, mediterraneo e del Mar Nero allo stesso tempo con la sua posizione geografica e continuità storica. Ha una posizione geostrategica e geopolitica molto importante che collega tre continenti”.

Affermando che la Turchia è un ponte naturale nel corridoio est-ovest tra l'Asia e l'Europa, è anche nel mezzo dei corridoi nord-sud che si estendono dai paesi del Caucaso e dalla Russia all'Africa, Karaismailoğlu ha continuato come segue:

“Con un volo di 4 ore, siamo al centro di 1 Paesi dove vivono 650 miliardo e 38 milioni di persone, 7 trilioni di dollari di prodotto nazionale lordo e 45 trilioni di 67 miliardi di dollari di volume di scambi. Solo il volume annuale degli scambi tra Cina e Unione Europea si aggira intorno ai 700 miliardi di dollari e il nostro Paese è la via di transito più importante di questo enorme volume. Sulla base della nostra posizione geostrategica, è indispensabile per la Turchia ridefinire le nostre strategie di trasporto e comunicazione alla luce delle condizioni globali e regionali e mantenere queste strategie sempre aggiornate".

IL TRASPORTO SU STRADA È LA FORZA SPINTA DELLA NOSTRA ECONOMIA

Sulla base di questo fatto negli ultimi 19 anni, sotto la guida del presidente Recep Tayyip Erdogan, hanno lavorato in linea con la visione futura della Turchia, il cui volto è stato illuminato dagli investimenti nei trasporti e nelle comunicazioni, Karaismailoğlu ha affermato: “Abbiamo ha effettuato sia investimenti infrastrutturali e sovrastrutture che normative legali in linea con le esigenze dell'epoca e del settore nel campo dei trasporti e della logistica Stiamo lavorando per rendere la nostra industria più competitiva nel mondo. Il settore dell'autotrasporto, che ha una quota importante nello svolgimento delle attività di import ed export, è sempre stato un volano che costituisce la spina dorsale della nostra economia. Oltre ad essere un'attività economica in sé, il trasporto su strada, che interessa direttamente tutti gli altri settori, tocca i nostri 84 milioni di persone, dal produttore all'esportatore, dall'unico proprietario del camion al proprietario della flotta, dal fornitore di pneumatici al ricambio produttore di parti, il ristoratore.

Karaismailoğlu, ministro dei trasporti, ha dichiarato: "Mentre costruivamo le nostre strade comode e sicure che circondano la Turchia, abbiamo anche rafforzato i legami del nostro paese con il mondo e ottenuto una pretesa logistica", e ha sottolineato che il dominio è stato dichiarato sulle rotte commerciali mondiali.

689,2 MILIARDI DI TL DI INVESTIMENTO IN AUTOSTRADE

Sottolineando che ogni giorno un passo più vicino agli obiettivi fissati per il 100° anniversario della Repubblica, Karaismailoğlu ha fatto le seguenti valutazioni:

“Credo sinceramente che i nostri investimenti nelle autostrade costituiranno il pilastro più importante nel nostro percorso per diventare una delle più grandi economie del mondo. Sappiamo che la soluzione di ogni problema riscontrato nell'autotrasporto contribuisce in modo significativo all'export e all'occupazione del nostro Paese. Poiché abbiamo rafforzato la nostra infrastruttura fisica sulle strade, abbiamo anche attribuito grande importanza alle opere di infrastruttura legale che regoleranno il settore del trasporto su strada. In 19 anni abbiamo investito oltre 1 miliardi e 119 miliardi di lire nelle infrastrutture di trasporto e comunicazione del nostro Paese e abbiamo speso 689,2 miliardi di lire, pari al 62 per cento di questi, per lo sviluppo delle nostre autostrade. Grazie ai nostri investimenti abbiamo in gran parte risolto i problemi infrastrutturali e di sovrastruttura sia nei corridoi est-ovest che negli assi nord-sud».

ABBIAMO AUMENTATO LA RETE STRADALE DIVISA A 28 KM

Sottolineando che hanno aumentato i 2003mila 6 chilometri di rete stradale divisa esistente prima del 101 a 28mila 339 chilometri, Karaismailoğlu ha osservato che hanno anche aumentato la lunghezza dell'autostrada a 3mila 532 chilometri.

Fornendo informazioni sugli investimenti effettuati sulle autostrade, il ministro dei trasporti Karaismailoğlu ha dichiarato: “Abbiamo completato l'autostrada Istanbul-İzmir, compreso il ponte Osmangazi, l'autostrada Northern Marmara, compreso il ponte Yavuz Sultan Selim, l'autostrada Ankara-Niğde e la Menemen Çandarlı. Autostrade. . Completando l'autostrada Ankara-Niğde, abbiamo stabilito un collegamento autostradale ininterrotto di 230 chilometri da Edirne a Şanlıurfa. Proseguono i nostri lavori per la costruzione di 1915 chilometri di autostrada sull'autostrada Aydın-Denizli, sulla sezione Nakkaş-Başakşehir dell'autostrada North Marmara e sull'autostrada Kınalı-Tekirdağ-Çanakkale-Savaştepe, compreso il ponte Çanakkale del 309. Mentre costruiamo le nostre strade per risparmiare carburante, creare alternative che causino meno danni all'ambiente e stabilire vitalità economica e mobilità logistica, continuiamo anche i nostri sforzi per espandere i sistemi di trasporto intelligenti.

ABBIAMO DATO GRANDE IMPORTANZA ALLE NORMATIVE LEGALI

Karaismailoğlu ha dichiarato: "Abbiamo rafforzato la nostra rete di trasporto stradale con opere infrastrutturali e abbiamo dato grande importanza alle normative legali che impediranno il caos nel settore e forniranno soluzioni", ha affermato Karaismailoğlu e implementato pratiche importanti per eliminare l'asistematicità, per rendere la strada trasporti efficienti e competitivi nell'arena internazionale, e per aumentare la qualità nel settore.

Ricordando che hanno immediatamente messo in vigore le normative come la legge sul trasporto su strada e il regolamento sulle qualifiche professionali contemporaneamente agli investimenti nelle infrastrutture terrestri, Karaismailoğlu ha osservato che portano anche requisiti di qualificazione a coloro che svolgeranno questo lavoro professionalmente.

ABBIAMO SCONTATO VICINO AL 60 PERCENTO SULLE TASSE DEL CERTIFICATO DI AUTORIZZAZIONE

Spiegando che offrono l'opportunità di eseguire molte transazioni tramite e-Government, Karaismailoğlu ha continuato il suo discorso come segue:

“In questo modo, hai l'opportunità di risparmiare tempo, fatica e costi. Con il regolamento sui trasporti stradali, che è stato ripubblicato nel 2018, abbiamo ridotto le tariffe dei certificati di autorizzazione di quasi il 60 percento. Abbiamo completamente integrato la nostra industria nel sistema dei trasporti internazionali. Seguendo il processo di adesione all'UE del nostro Paese e gli sviluppi nel mondo, abbiamo implementato nuove normative che determinano le condizioni per l'ingresso nel mercato dell'autotrasporto e della professione, in linea con la legislazione dell'Unione Europea e basate sull'istituzionalizzazione. Abbiamo raggiunto il 95% di conformità alla legislazione dell'UE in termini di contenuto. Il trasporto su strada è quindi diventato uno dei settori più pronti nel processo di candidatura all'UE. Come risultato del nostro lavoro; La vicinanza del nostro Paese ai mercati globali, il suo vantaggio competitivo in termini di produzione e costo del lavoro, la sua esperienza nel trasporto internazionale e il fatto che il settore si basi su solide basi istituzionali hanno fornito al nostro Paese vantaggi significativi nel campo della logistica e dei trasporti.

MENTRE LA VITA SI È FERMATA DURANTE LA PANDEMIA, IL TRASPORTO NON SI È MAI FERMATO

Rilevando che i trasportatori effettuano trasporti internazionali su strada in quasi 70 paesi, Karaismailoğlu ha affermato: “È estremamente importante mantenere il dinamismo nel settore che tutti questi studi e regolamenti siano rivisti secondo le condizioni attuali e in linea con le esigenze di i trasportatori. A causa dell'epidemia di Kovid-2020, che colpisce il mondo dall'inizio del 19, abbiamo vissuto un periodo di contrazione in quasi tutte le economie mondiali. Indubbiamente l'area interessata da questa contrazione è stata il settore dei trasporti. In questo periodo difficile, abbiamo supportato tutti i nostri trasportatori con le normative che mettiamo in pratica come Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. Mentre la vita si è fermata durante il processo pandemico, i trasporti non si sono mai fermati.

IL NUMERO DI VEICOLI AUTORIZZATI È AUMENTATO DEL 16%

Sottolineando che la Turchia continua ad aumentare le sue esportazioni con il suo forte settore stradale mentre la crisi dei container sta vivendo in tutto il mondo, Karaismailoğlu ha affermato che anche in questi giorni difficili, il trasporto internazionale su strada è in crescita. Sottolineando che c'è stato un aumento del 16% del numero di veicoli autorizzati per il trasporto internazionale, il ministro dei Trasporti Karaismailoğlu ha fornito le seguenti informazioni sul lavoro svolto:

“C'è un aumento generale del 20 percento nei nostri trasporti internazionali di esportazione su strada. L'aumento medio è del 40% verso i nostri principali paesi di esportazione come Germania, Paesi Bassi e Inghilterra. In alcuni paesi dell'UE si registra un aumento fino al 70%. Di fronte a questo aumento del nostro trasporto terrestre, stiamo vivendo anche un periodo intenso nelle relazioni internazionali. I problemi vengono comunicati a tutti i livelli alle controparti nel paese opposto. Il numero di documenti di passaggio di transito ungherese è aumentato da 36 mila a 130 mila. Con l'ultimo incontro KUKK tenutosi a settembre, è stato assicurato con il protocollo che si otterranno documenti illimitati in transito. Il numero di documenti di passaggio dell'uniforme azera è aumentato dopo anni e la quota è stata aumentata da 35 mila a 46 mila. La questione dei costi di transito in Azerbaigian è seguita molto da vicino. Con l'approvazione della relativa legge da parte dell'Assemblea dell'Azerbaigian, saranno previste significative riduzioni dei salari. La quota di lasciapassare per l'Uzbekistan è passata da 12mila a 38mila in breve tempo, e il numero di documenti gratuiti è passato da 60mila a 10mila con un incremento del 16 per cento nell'ultimo meeting KUKK tenutosi a luglio. All'incontro KUKK tenutosi a settembre, è stato deciso di liberalizzare il trasporto bilaterale e di transito con il Kirghizistan, uno dei paesi dell'Asia centrale. Durante il 12° Consiglio dei trasporti e delle comunicazioni, il 7 ottobre 2021 è stato firmato un memorandum d'intesa tra i due paesi e questo processo è stato ufficialmente avviato. Continuiamo a negoziare per la liberalizzazione in altri paesi dell'Asia centrale. Altri 7mila documenti sono pervenuti dalla Serbia, che è tra i nostri principali paesi di transito, 6mila dalla Cechia e 4mila dalla Romania. Per la prima volta sono stati ottenuti 3 documenti aggiuntivi dalla Grecia e infine, il 28 settembre, è stato fornito il passaggio non documentato a 2 dei nostri veicoli. Il numero totale di pass aggiuntivi scambiati nel 2021 ha superato gli 80mila”.

RICEVUTI 5 DOCUMENTI AGGIUNTIVI DALLA RUSSIA

Rilevando che ci sono state difficoltà di trasporto verso i paesi dell'Asia centrale con la chiusura della rotta del Turkmenistan, Karaismailoğlu ha sottolineato che stanno continuando i negoziati per l'apertura di questa rotta. Ricordando che Russia-Kazakistan è diventata la principale via di trasporto verso i paesi dell'Asia centrale, Karaismailoğlu ha affermato che per questo motivo sono stati ottenuti ulteriori documenti da entrambi i paesi, ben al di sopra della quota normale. Sottolineando che nel 2021 sono stati ottenuti dalla Russia un totale di 14mila 500 documenti di passaggio di transito e 5mila documenti di passaggio di transito validi per i trasporti Ro-Ro, di cui 14mila provenienti dal Kazakistan, Karaismailoğlu ha affermato che sono stati ottenuti 5mila 500 documenti aggiuntivi bilaterali dalla Russia, offrendo grande comodità per il trasporto.

Sottolineando che il limite di età valido fino al 31 dicembre 2023 è stato prorogato in quanto "non aver compiuto i 69 anni" al fine di risolvere il problema dell'offerta di conducenti nel settore, Karaismailoğlu ha affermato: "Nel marzo 2021, i documenti appartenenti a paesi come Bulgaria e Georgia, che non hanno avuto problemi con il documento di transito, modificando i principi di distribuzione del Certificato di Passaggio.A tal fine, abbiamo fornito ai trasportatori la possibilità di ottenere un lasciapassare direttamente dall'ufficio di distribuzione senza la necessità di richiedere nostro Ministero. Inoltre, abbiamo terminato il divieto di documenti di 3 giorni per le aziende che non restituiscono i documenti di transito obbligatori per 10 volte, a condizione che effettuino la procedura di restituzione tramite e-Government. Abbiamo spostato le pre-domande di visto di guida per Bulgaria, Romania e Bielorussia all'e-Government. Anche in questo caso, trasferendo i controlli e le autorizzazioni ai valichi del Caspio a U-Net invece dei documenti fisici, abbiamo impedito l'attesa, soprattutto al varco di confine Sarp.

Notando che domani parteciperanno alla riunione dei ministri dei trasporti del Consiglio turco che si terrà in Ungheria, Karaismailoğlu ha affermato che il miglioramento delle condizioni dei trasportatori sarà uno degli ordini del giorno più importanti.

12. TRASPORTI E COMUNICAZIONI

Ricordando che hanno organizzato il 12° Consiglio dei trasporti e delle comunicazioni con partecipazione internazionale, Karaismailoğlu ha concluso le sue parole come segue:

“Abbiamo discusso di questioni importanti come il miglioramento dei trasporti nel mondo post-Kovid-19, la definizione di nuovi standard per la flessibilità e le catene di approvvigionamento globali, lo sviluppo dell'economia e dei corridoi di trasporto che forniranno sviluppo e il suo impatto sui paesi. Abbiamo identificato opportunità per il futuro e discusso le nostre opportunità di cooperazione. Come risultato di questo lavoro produttivo, nella dichiarazione finale abbiamo dichiarato i nostri obiettivi per il trasporto su strada e la logistica. Il più grande obiettivo del nostro lavoro sul trasporto terrestre è; per semplificarti il ​​lavoro e la vita. Saremo con voi domani come ieri e oggi per aumentare la vostra competitività, risolvere i vostri problemi e rispondere alle vostre esigenze. Dal 2003; Il nostro attacco ai servizi continuerà ad aumentare nel settore dei trasporti, che abbiamo trasformato in un'area altamente competitiva che opera in tre continenti”.

Armin

sohbet

    Sii il primo a commentare

    Yorumlar