Il museo astronomico di Shanghai più grande del mondo apre le sue porte

Il più grande museo del cielo del mondo ha aperto le sue porte
Il più grande museo del cielo del mondo ha aperto le sue porte

Il Museo di Astronomia di Shanghai, il più grande planetario del mondo, ha aperto le sue porte. Istituito su un'area di 58 metri quadrati, il museo si trova nell'area speciale Lingang della zona pilota di libero scambio di Shanghai.

Visto dall'alto, l'edificio principale del museo sembra una ciotola piena di elementi astronomici. La luce che entra dal lucernario circolare si raccoglie in un punto del suolo, che mostra l'ora secondo lo stato della luce del sole, come una meridiana.

Le torri Xihe e Wangshu, che prendono il nome dai simboli del sole e della luna nella mitologia cinese, sembrano le lune dell'edificio principale. I visitatori possono osservare il sole attraverso uno speciale telescopio presso la Torre Xihe. Grazie al telescopio, esplosioni e macchie solari sul sole possono essere viste in alta risoluzione. Di notte è possibile osservare la Luna, i pianeti e altri corpi celesti attraverso il telescopio a doppio fuoco di un metro situato nella Torre Wangshu.

120 opere in mostra nel museo

L'apertura del Museo di Astronomia di Shanghai è vista come una pietra miliare negli sforzi per far progredire la scienza. Passeggiando per l'edificio principale, i visitatori possono conoscere l'universo attraverso tre mostre a tema: Terra, Universo e Odessa. Altre aree si sono concentrate sulla storia dell'astronomia cinese, sull'esplorazione di Marte e sulla divulgazione scientifica tra i bambini.

L'avanzato sistema di prestazioni laser, il sistema di proiezione sferica con risoluzione 8K e il sistema scenico sono installati nell'edificio a cupola accanto all'edificio principale. Grazie a questi sistemi, i visitatori possono trovare l'opportunità di conoscere gli ultimi sviluppi dell'astronomia guardando i vari spettacoli.

Il museo espone 70 manufatti, tra cui circa 120 meteoriti provenienti dalla Luna, da Marte e da Vesta, oltre a opere di Isaac Newton, Galileo Galilei e Johannes Kepler. La metà delle altre 300 mostre nel museo sono mostre interattive. La visualizzazione dei dati, la realtà aumentata, la realtà virtuale e le tecnologie biometriche consentono ai visitatori di acquisire conoscenze astronomiche e scientifiche attraverso l'interazione.

Ye Shuhua, un membro dell'Accademia cinese delle scienze e astronomo che ha lavorato per l'istituzione del museo per quasi 10 anni, ha dichiarato: "La Cina ha fatto scoperte di grande successo nello spazio profondo nel 21° secolo". Secondo Ye, costruire un planetario è estremamente importante per divulgare l'astronomia e sostenere l'istruzione dei giovani nel settore.

D'altra parte, la fantascienza e l'astronomia attirano sempre più persone in Cina. Il valore totale dell'industria cinese della fantascienza nel 2019 è cresciuto del 2018 per cento rispetto al 44,3, raggiungendo i 65,87 miliardi di yuan (10,17 miliardi di dollari). Anche le entrate al botteghino dei film di fantascienza nazionali sono raddoppiate rispetto al 2018. Thomas Kraupe, Direttore dell'Hamburd Planetarium ed ex Presidente della International Society of Planetariums, ha espresso la seguente valutazione sul museo: Ho avuto il privilegio di essere coinvolto nelle prime fasi del progetto del museo e spero che il museo possa ispirare le generazioni future raccontando storie su di noi e sull'universo.

Fonte: China International Radio

Armin

sohbet

    Sii il primo a commentare

    Yorumlar