Come essere felici mentre la solitudine continua?

Come essere felici mentre si guida la solitudine pandemica
Come essere felici mentre si guida la solitudine pandemica

Il processo pandemico ha reso la distanza sociale indispensabile nella nostra vita così come le maschere e l'igiene. Inoltre, la restrizione sociale che è venuta a ridurre il rischio di trasmissione del virus ha cambiato l'umore di molti di noi. Il peso psicologico della solitudine e dell'incapacità di socializzare sta mettendo a dura prova le nostre vite. È possibile per noi essere felici faccia a faccia quando non possiamo stare insieme? Rispondendo a questa domanda, lo psicologo clinico Yeşim Karakuş dell'Acıbadem International Hospital ha affermato: “Una comunicazione efficace contro lo stress della vita quotidiana è una delle maggiori fonti di forza e resistenza per noi, una specie sociale. Per superare questo processo in modo più sano, manteniamo le distanze sociali, ma non interrompiamo le nostre connessioni sociali ". dice.

Abbiamo incontrato la solitudine pandemica


Covid-19 non ha solo causato un'infezione che ha fatto ammalare il nostro corpo; Ci ha anche fatto vivere in un periodo in cui non possiamo uscire per strada e abbracciare i nostri cari e quindi incontriamo un nuovo aspetto del concetto di “solitudine”. Yeşim Karakuş ha detto: “Se ti senti ansioso, ansioso, stanco, triste per molti problemi e hai sperimentato queste sensazioni più intensamente di recente, non sei solo. Molte persone provano gli stessi sentimenti. In questo processo, può essere difficile gestire le nostre emozioni negative a causa della perdita di molte tradizioni e abitudini. "È comprensibile e normale provare queste emozioni durante questo processo pandemico in cui ci troviamo".

Quindi cosa si dovrebbe fare per far fronte a questo stato d'animo? Secondo Yeşim Karakuş, specialmente nei giorni in cui siamo confinati nelle nostre case, invece di cercare di ignorare i nostri dolori, dispiaceri, paure e ansie o lamentarci costantemente di tali problemi, è necessario parlare con i nostri sentimenti e accettare ciò che sentiamo per come sono.

Ascolta i tuoi sentimenti!

Lo psicologo clinico Yeşim Karakuş, che ha affermato che la solitudine e l'allontanamento dall'ambiente sociale contraddicono la natura umana; “Siamo una specie sociale. Il nostro sviluppo e la salute mentale sono modellati dalle nostre relazioni e dal nostro ambiente. Pertanto, quando si tratta della nostra salute mentale e del nostro benessere, non è possibile separare le persone dal loro ambiente psicosociale. Ma qui vale la pena ricordare che anche se siamo separati dalla distanza fisica come esseri umani, abbiamo un'incredibile capacità di stare insieme emotivamente ".

Yeşim Karakuş ha sottolineato che è inevitabile provare emozioni così negative mentre le nostre vite sono disorganizzate e che non siamo soli mentre viviamo questa situazione, affermando che dovremmo essere in grado di raggiungerci emotivamente ed essere connessi: "Lasciamo i nostri pensieri e parliamo un po 'con i nostri sentimenti in questo processo in cui passiamo più tempo con noi stessi. Le nostre emozioni e sentimenti aspettano di essere capiti. Le emozioni negative che sperimentiamo e la nostra capacità di affrontarle, siano esse salutari o meno, esistono effettivamente per proteggerci e mantenerci in vita. Lascia che questi sentimenti vengano e ci insegnino qualcosa, ma non lasciamoli rimanere ", dice.

Come possiamo affrontare l'incertezza?

“La vita contiene sempre qualche incertezza. La parola incertezza è un concetto aperto che non ha inizio né fine. Questo processo pandemico in cui viviamo include lo stato di "incertezza" in molte questioni e questa situazione ha effetti psicologici su di noi. Allora come possiamo affrontare questo processo incerto che stiamo attraversando? ' Rispondendo a questa domanda, lo psicologo clinico Yeşim Karakuş ha detto: “In caso di incertezza, il nostro comportamento di ricerca costante di informazioni aumenta perché non abbiamo informazioni sull'argomento. Quando siamo in uno stato di incertezza, vogliamo ottenere molte informazioni (vere o false) da ciò che ci circonda per far fronte alle emozioni negative che proviamo. Volendo avere più informazioni del solito aumenta l'incertezza piuttosto che eliminarla. " dice.

Spiegando che il processo di incertezza fa scattare la necessità di informazioni su tale argomento, Karakuş; “Seguire continuamente i casi, parlare con le persone con cui comunichiamo del processo del coronavirus, del periodo di pandemia e di varie voci derivate da questo problema, anche la situazione di continuare le conversazioni solo all'interno di questo quadro, cercando di fare previsioni continue su quando finirà il processo o questioni simili, piuttosto che ridurre l'incertezza. porta all'ingrandimento ", dice. Afferma che stimolare costantemente il sistema nervoso in questo modo e mantenerlo vigile rende la persona più ansiosa e ansiosa. Sottolinea che questi comportamenti possono portare con sé molte condizioni psicologiche come disturbi del sonno e dell'alimentazione, attacchi di panico o disturbi di panico, problemi di ansia e disturbi dei sintomi somatici.

Mantieni le tue connessioni sociali comunicando

Lo psicologo clinico Yeşim Karakuş formula le seguenti raccomandazioni per rendere più sano il processo pandemico: “In questo difficile processo, è normale per noi provare emozioni negative e talvolta vivere più intensamente. È importante riconoscere quando ci sentiamo bene o male, da quali situazioni siamo maggiormente colpiti e cercare supporto psicologico quando abbiamo difficoltà ad affrontare queste emozioni. Una comunicazione efficace contro lo stress della vita quotidiana è una delle maggiori fonti di forza e resistenza per noi come specie sociali. Per superare questo processo in modo più sano, manteniamo le distanze sociali, ma non tagliamo le nostre connessioni sociali. Il nostro corpo è limitato ma la nostra mente è illimitata. Se crediamo che il domani sarà migliore, possiamo sostenere la sfida di oggi.


sohbet

Sii il primo a commentare

Yorumlar

Articoli correlati e pubblicità