L'intervento alla nave turca è una grave minaccia per la sostenibilità del commercio marittimo

L'intervento alla nave turca è una seria minaccia alla sostenibilità del commercio marittimo.
L'intervento alla nave turca è una seria minaccia alla sostenibilità del commercio marittimo.

Il ministro Karaismailoğlu ha affermato che è illegale perquisire la nave turca nel Mediterraneo. Karaismailoğlu ha detto: “Non puoi dichiarare sospetta una nave solo a causa della sua rotta. Altrimenti, è possibile avanzare una giustificazione che dichiarerebbe sospette tutte le navi del mondo. "Tutte le istituzioni competenti del nostro paese reagiscono in modo coordinato a questo passo, che rappresenta una seria minaccia per la sostenibilità del commercio marittimo".


Ministro dei trasporti e delle infrastrutture Adil Karaismailoğlu, con l'istruzione del Centro operativo di İrini dell'Unione europea, Bayraklı condannando l'interferenza con una nave mercantile che era illegale

"Non si può dichiarare sospetta una nave che trasporta la bandiera di un paese a causa della sua rotta."

Il ministro Karaismailoğlu, nave da guerra turca, ha navigato in acque internazionali domenica 22 novembre, con le istruzioni del Centro operativo Irini dell'Unione europea. Bayraklı ha condannato fermamente l'intervento su una nave mercantile.

Karaismailoğlu, "Questo non è l'intervento dello Stato di bandiera nel tentativo di ottenere il consenso del nostro governo ben intenzionato senza il consenso della Turchia è in violazione del diritto internazionale. Solo coloro che appartengono a una delle rispettate compagnie di navigazione turche a causa del battente e della bandiera del consigliere dell'organizzazione marittima internazionale di un paese sospettano che non si possa dichiarare questa nave. Altrimenti è possibile avanzare una giustificazione che dichiarerebbe sospette tutte le navi del mondo.

"Le condizioni sono certe per intervenire su una nave di diritto internazionale"

Ricordando che le condizioni sono certe per poter intervenire su una nave di diritto internazionale, il ministro Karaismailoğlu ha detto: “Non sono state presentate prove concrete che rivelino il sospetto fino ad ora, e nelle dichiarazioni rese dall'Unione Europea, è stato affermato che la rotta della nave è motivo di sospetto. "Questa è una ragione inaccettabile", ha detto.

"È una seria minaccia alla sostenibilità del commercio marittimo"

Ricordando che la libertà di navigazione per le navi mercantili è stata ignorata, il ministro Karaismailoğlu ha affermato: “Questo intervento non ha solo interrotto il commercio marittimo. Fingendosi criminali per i nostri marittimi, li hanno raccolti in una stanza e sono stati sottoposti a un intervento fisico in uno stile non conforme al diritto internazionale. "Tutte le istituzioni competenti del nostro Paese reagiscono in modo coordinato a questo passo, che rappresenta una seria minaccia per la sostenibilità del commercio marittimo". Karaismailoğlu ha affermato che continueranno a spiegare questa illegalità su ogni piattaforma e ad adottare misure preventive in futuro.

"Non è possibile per noi accettare questo intervento contro i marittimi"

Il ministro Karaismailoğlu ha anche affermato che oggigiorno, quando vengono fatti numerosi appelli per risolvere i problemi dei marittimi che hanno servito fedelmente durante il processo pandemico, che devono continuare a lavorare sulle navi per mesi nonostante la scadenza del loro periodo di lavoro, e che sono coinvolti nella catena di fornitura dei prodotti in tutti gli ambiti della vita, lo è Ha aggiunto che non è mai stato possibile.


sohbet

Sii il primo a commentare

Yorumlar

Articoli correlati e pubblicità