Museo del Palazzo Tekfur

A proposito di Tekfur Palace
A proposito di Tekfur Palace

Il Palazzo Tekfur o Palazzo Porphyrogenitus è uno degli esempi relativamente incontaminati di architettura tardo bizantina in tutto il mondo. Si trova nel quartiere Edirnekapi, entro i confini del quartiere Fatih di Istanbul.

Tarihi


Fu costruito alla fine del XIII o all'inizio del XIV secolo come parte del complesso del palazzo Blaherne. 13.-14. Continuano i dibattiti sull'edificio, che si stima sia stato costruito tra il I secolo a.C. Tuttavia, la differenza tra la tecnica muraria utilizzata al piano terra e il primo piano, così come il fatto che lo spazio è diviso in 10 e il muro sud è diviso in 14, suggeriscono che l'edificio sia stato costruito in due periodi diversi. È certo che il secondo di questi periodi è il periodo della dinastia Paleologos.

A prima vista, il palazzo fu costruito dall'imperatore VII del X secolo. Anche se sembra che abbia preso il nome da Costantino Porfirogenito, in realtà era l'imperatore VIII. Prende il nome da Konstantin Paleologo, figlio di Michele Paleologo. "Porfirogenito" il cui nome significa "nato viola" significa che un imperatore al potere nel paese è nato qui.

Tekfur è il nome dato al sovrano locale bizantino. La corrispondenza significa re in armeno. Questo palazzo è servito come residenza imperiale negli ultimi anni dell'Impero bizantino. Durante la conquista di Istanbul da parte dell'Impero Ottomano nel 1453, subì gravi danni a causa della sua vicinanza alle mura esterne.

Gli ottomani non usarono il palazzo tekfur come palazzo. Le famiglie ebree si stabilirono intorno a Salonicco nella seconda metà del XV secolo. Il palazzo, che fu parzialmente distrutto nel XVI secolo, e una vecchia cisterna nelle sue vicinanze furono usati per ospitare per un periodo gli animali del sultano. Si è visto che l'edificio, che viene spesso chiamato "Palazzo Tekfur" dal 15 ° secolo, è menzionato in dettaglio nei libri di viaggio. Nel 16, per decisione del Gran Visir İbrahim Pasha, fu fondato un laboratorio di piastrelle nel cortile del palazzo, gestito dai maestri di Iznik. Nel 17, l'architetto capo Mehmed Ağa costruì officine, un panificio e un mulino. Le piastrelle prodotte in questi laboratori III. È stato utilizzato nella fontana di Ahmet, nella moschea Kasim Pasha e nella moschea Hekimoğlu Ali Pasha. Tuttavia, il laboratorio di piastrelle chiuse dopo poco tempo. Nel XIX secolo, il nord del palazzo fungeva da fabbrica di vetro. Si pensa che il nome del Şişhane Masjid, che fu dedicato nelle vicinanze da Adilşah Kadın nel 1719, sia stato preso da questa fabbrica. Infatti il ​​nome della strada che circonda il palazzo da est e da sud si chiama "bottling house street". Nell'incendio che scoppiò nelle case ebraiche qui nel 1721, parti importanti del palazzo, le attrezzature interne con pietre da costruzione in marmo e il balcone nell'angolo sud-est furono gravemente danneggiate. Nel frattempo, la fabbrica di vetro è ancora attiva nella parte settentrionale del cortile del palazzo. Il cortile del palazzo è notevolmente aumentato a causa dei residui della fabbrica. Nel 19, l'ubicazione di questa fabbrica fu cambiata e il Tekfur Palace fu annesso alla Direzione del Museo di Hagia Sophia. Il cortile è stato ripulito dai detriti dalla direzione del Museo Hagia Sophia e il suo vecchio livello è stato portato alla luce.

Nel 1993, sotto la guida di Filiz Yenişehirlioğlu, sono iniziati gli studi per individuare i forni per la produzione di piastrelle del Tekfur Palace. La ricerca, che si è trasformata in scavi partecipativi sotto la supervisione del Ministero della Cultura e del Museo di Arte Turca e Islamica, si è conclusa nel 1995. Dopo i lavori di restauro tra il 2001 e il 2005, il Tekfur Palace è stato aperto ai visitatori come Museo Ottomano delle Piastrelle affiliato all'IMM. Nel museo sono esposti reperti come nuove rovine, piastrelle, vetro e ceramica rinvenuti negli scavi archeologici del Palazzo Tekfur, nonché animazioni che descrivono la produzione di ceramiche utilizzando la tecnologia ologramma.

architettura

Il palazzo Tekfur è stato costruito sul muro interno e sul muro esterno, all'estremità nord del Vecchio Muro Teodosiano, tra una forte fortificazione e una spessa torre rettangolare costruita nel periodo bizantino medio (probabilmente il X secolo). Il palazzo ha pianta rettangolare e struttura con cortile. Calcare bianco e mattoni sono stati usati come materiale da costruzione nel muro del palazzo. Ci sono altri due piani fuori dal piano terra che si apre sul cortile con archi colonnari. Si stima che i solai siano separati l'uno dall'altro da solai in legno. Il secondo piano del palazzo può essere visto oltre le mura. I piani terra e 10 ° sono utilizzati dal personale di servizio; Se l'imperatore usava questo palazzo, si pensava che fosse situato al piano intermedio.

Si pensa che il palazzo avesse un balcone sulla facciata orientale rivolta verso la città. Nella mappa di Piri Reis della città di Istanbul, questo palazzo è raffigurato con il suo tetto a doppia spiovente e il balcone sul bastione adiacente e il portico che lo protegge.



chiacchierare


Sii il primo a commentare

Yorumlar