Il ministro della Salute Koca: 'Non lasciamo che l'epidemia indebolisca la società'

Il ministro della Salute Koca: 'Non lasciamo che l'epidemia indebolisca la società'
Il ministro della Salute Koca: 'Non lasciamo che l'epidemia indebolisca la società'

Il ministro della Salute Dr. Fahrettin Koca ha rilasciato una dichiarazione alla stampa dopo la riunione del consiglio scientifico di Coronavine tenutasi al Bilkent Campus.


Nel suo discorso, il ministro Koca ha affermato che l'epidemia è rimasta indietro di 6 mesi e che 7mila 185 vite sono terminate in modo simile dopo la morte del primo paziente.

Dicendo: "Oggi, noi e il mondo siamo in un periodo più difficile di fronte all'attacco del virus", Koca ha sottolineato che il numero di pazienti gravi oggi è oltre 1300 e che il numero totale di casi è 100mila, le lezioni che l'umanità imparerà dagli eventi sono trascurate in tutto il mondo e l'epidemia sta gradualmente aumentando. ha disegnato.

Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Koca ha ricordato che il numero di persone con diagnosi di coronavirus ha superato i 29 milioni e 500mila in tutto il mondo e il numero di persone che hanno perso la vita si è avvicinato a 1 milione, Koca ha detto: "Nell'epidemia, Inghilterra 41mila 637, Italia 35mila 624, Francia 30mila 950, La Spagna ha perso 29mila 848, il Belgio 9mila 927, la Germania 9mila 437. Il numero dei deceduti, può essere preso in considerazione se paragonato a paesi come Turchia, Germania, rivela che abbiamo dimostrato di avere successo nel trattare un "sapere condiviso".

"È stato effettuato lo screening del contatto di ogni persona con una diagnosi positiva"

Esprimendo che l'epidemia di coronavirus è un'epidemia che si avvicina alla fine, Koca ha detto: “I problemi sembrano più grandi di quando il rimedio non è ancora apparso all'orizzonte. Quando compare il rimedio, la resistenza e la forza aumentano. Se continuiamo il nostro cammino acutamente senza annoiarci, se seguiamo meticolosamente la regola della maschera e della distanza, non assisteremo a quelle immagini che non verranno cancellate dalla memoria, dove il mondo è la scena a causa di Kovid-19. "Siamo forti e dobbiamo continuare a rimanere forti in questo periodo, quando il potere degli stati è messo alla prova con la loro forza nella salute".

Il ministro della Salute Koca, affermando che ogni paziente che è stato diagnosticato come "positivo" ha ricevuto regolarmente i servizi sanitari necessari dall'inizio dell'epidemia e continua a ricevere il servizio sanitario necessario, ha affermato: "È stato effettuato uno screening del contatto di ogni persona con una diagnosi positiva. Continua ad essere fatto. "Il numero delle nostre squadre di ripresa, che sono gli inseguitori del virus, è passato da 6mila a 11mila 238".

"L'onere dei nostri professionisti sanitari è aumentato da quattro a cinque volte"

Notando che la strategia di rilevamento applicata per combattere l'epidemia impone responsabilità al sistema sanitario, Koca ha continuato come segue:

“Ogni giorno vengono eseguiti in media 100mila esami e viene avviato il trattamento per chiunque abbia un risultato positivo, sia esso portatore o paziente. Il numero crescente di nuovi pazienti e pazienti gravi non ha impedito a nessuno di ricevere cure fino ad oggi. Rispetto al primo periodo, il carico dei nostri operatori sanitari è aumentato di 4-5 volte. L'unico supporto che puoi dare loro in questa lotta è proteggerti dal virus ”.

Sottolineando che non è possibile identificare tutti i portatori del virus e isolare i portatori, sebbene si tenti di raggiungere tutti i contatti dei casi rilevati, Koca ha detto: "Poiché non è possibile conoscere tutti i portatori, è la logica di base della misura considerare tutti come portatori. Se lo fai, ci aiuterai a gestire il problema crescente. "È possibile tornare a numeri che non destano paura con pronunciamenti con estrema cautela".

"La precauzione è una regola sanitaria e morale"

“Purtroppo l'epidemia non è presa sul serio da tutti. Dicendo che "non mi succederà nulla", la comprensione non è scomparsa, Koca ha detto: "Anche se la persona non pensa a se stessa, è coscienziosamente e moralmente obbligata a pensare a un'altra. La precauzione è una regola sanitaria e un codice etico. Il numero dei malati gravi, che fino a ieri ha raggiunto i 7 dispersi e 186, dovrebbe essere un monito per tutti noi. Ogni portatore, ogni paziente e, di conseguenza, ogni caso, come società, diminuisce qualcosa dalla nostra forza, dal nostro morale, dalla nostra eccitazione per vivere, come nella morte. "Non lasciamo che l'epidemia indebolisca la società".

Sottolineando che sarebbe sbagliato percepire l'epidemia come fuori controllo di recente, Koca ha detto: "È vero che abbiamo anche aumentato la capacità dei posti letto in province come Diyarbakir, Konya, Van, Adıyaman, Gaziantep, Mardin, Şanlıurfa e Batman, dove il nostro carico ospedaliero è aumentato e gli investimenti sanitari sono stati portati avanti con l'effetto della densità. Il fatto che possiamo risolvere i problemi prima che si trasformino in crisi è una prova che il problema è sotto controllo. Crediamo che in questa guerra tutti abbiano la nostra stessa determinazione. Cerchiamo di essere determinati a mobilitare misure per ridurre questo carico sul nostro esercito sanitario che lavora giorno e notte. Ciascuno di noi sia di nuovo in allerta contro la malattia ”.

Riferendosi agli studi sulle vaccinazioni, il ministro Koca ha detto: “Adesso è il momento di dire quello che vorremmo sentire di più fino ad oggi, ma senza lasciare la vigilanza. Come ho sottolineato nei miei discorsi prima, la storia non ha registrato un'epidemia senza fine. Gli sviluppi scientifici indicano che la fine di questa epidemia è vicina. La mente umana potrà presto dichiarare la sua vittoria contro il coronavirus. L'informazione riflessa nell'opinione pubblica mondiale sulla vaccinazione è l'informazione che dà speranza, forse un rimedio. Possiamo dire che il mondo scientifico concorda sul fatto che i risultati saranno raggiunti entro la fine dell'anno.

Attualmente ci sono 3 vaccini il cui lavoro preparatorio è in fase 9. Inghilterra, Germania e Cina hanno avviato la pratica. Abbiamo anche continuato il nostro lavoro, da un lato, le loro vaccinazioni come la Turchia, abbiamo iniziato a fornire le nostre applicazioni aziendali al più presto. Oggi per gentile concessione del Ministero della Salute cinese, la prima applicazione del vaccino Sinovac dell'Università Hacettepe in Turchia è iniziata su 3 operatori sanitari volontari. Ciò significa che potremmo vivere gli ultimi mesi critici dell'epidemia ".



chiacchierare

Sii il primo a commentare

Yorumlar