"2019 Grand Prix of Hungary"

una lotta piena di curve strette Gran Premio d'Ungheria
una lotta piena di curve strette Gran Premio d'Ungheria

La stragrande maggioranza dei piloti ha intrapreso la propria carriera; Anche l'Hungaroring con molte curve strette vicino a Budapest ti ricorda quei giorni perché è il binario fisso a velocità media più bassa.

Tuttavia, ciò non significa praticità per le gomme perché queste curve non danno alla pasta la possibilità di rilassarsi. Pirelli raccomanda quindi le gomme C2 hard, C3 medium e C4 soft nel mezzo della serie per la gara ungherese. L'Hungaroring ha un gran numero di curve, molte lente e consecutive. Ciò significa che le gomme funzionano continuamente e non hanno l'opportunità di rinfrescarsi.

Le temperature medie attuali in Hungaroring sono tra i valori più alti della stagione. Ciò non solo aumenta l'usura legata al calore, ma rende anche difficile per i piloti, poiché basse velocità medie (anche a causa della posizione geografica della pista Hungaroring in una buca) indicano che non c'è molto flusso d'aria all'interno dell'auto.

Il tasso di usura degli pneumatici è molto basso. Si può affermare che le gomme proposte quest'anno sono uguali a quelle dell'anno scorso quando in generale sono stati scelti gli impasti 2018 medi, morbidi e ultra morbidi. Lo pneumatico C2 (duro in Ungheria) è in realtà un po 'più morbido del nucleo 2018 e viene utilizzato anche quando è raccomandato come opzione più dura. Finora nei nove dei Gran Premi di 11, tutti gli impasti proposti sono stati utilizzati nelle gare.

Le squadre usano un'elevata forza di terra per superare una serie di curve consecutive, ma la presa meccanica delle gomme è altrettanto importante sulla pista curva Hungaroring.

La strategia vincente dell'anno scorso è stata l'unica sosta ai box e il pilota della Mercedes Lewis Hamilton 25. Nel giro (70 in totale), è passato dalla gomma ultra morbida a quella morbida e non ha mai usato l'impasto più duro. Il pilota della Ferrari Sebastian Vettel, che è arrivato secondo, è passato da soft a ultra-soft con una strategia alternativa a singolo pit stop, mentre il compagno di squadra Kimi Raikkonen è arrivato terzo con due pit stop. Pertanto, i primi tre piloti hanno implementato tre diverse strategie.

Il record sul giro appartiene ancora a Michael Schumacher e non è stato superato da 2004. Vediamo se possiamo vederti rompere questo fine settimana.

MARIO ISOLA - PRESIDENTE DI F1 E GARA DI AUTO

“L'Ungheria è l'ultimo Gran Premio prima della tradizionale pausa estiva, ed è una sfida difficile punteggiare la prima parte della stagione sia fisicamente che strategicamente. Passare davanti al veicolo a causa della carenza della strada richiede abbastanza abilità e c'è il rischio di scivolare fuori strada. Pertanto, la posizione in pista è di grande importanza e la strategia deve corrispondere. D'altra parte, come abbiamo visto diverse volte in passato, ci sono sorprese sulla pista Hungaroring con la giusta strategia e l'auto più veloce, se non la più veloce. L'anno scorso, quando abbiamo suggerito le stesse gomme di quest'anno, abbiamo visto diverse strategie di corsa dopo la classifica colpita dalla pioggia. Speriamo di vedere la stessa diversità di strategia questo fine settimana. ”

Informazioni su Levent Elmastaş
Editor RayHaber

Sii il primo a commentare

Yorumlar

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.